REPORT BIM SUMMIT 2015, ESPERIENZE ITALIANE, INTERNAZIONALI E PROSPETTIVE FUTURE

6a017c3334c51a970b01a3fcafd0ae970b-800wiL’obiettivo del BIM SUMMIT 2015 è stato quello di condividere le esperienze di utilizzo del BIM (Building information modeling) in Italia. Sono stati mostrati casi in cui studi di architettura, ingegneria, imprese di costruzioni e produttori di semilavorati edilizi hanno sperimentato l’uso del BIM per risolvere commesse particolarmente complesse, caratterizzate da tempi ristretti, contenimento dei costi, alto numero di soggetti coinvolti, ecc. Torno entusiasta dal convegno, che conferma la mia idea di dover passare entro breve tempo all’utilizzo di metodi evoluti nell’organizzazione della progettazione. La questione interessante è come uno studio di piccola dimensione (come la maggior parte degli studi di progettazione in Italia) possa approcciarsi a strumenti di controllo del progetto basati sui dati.

Riassumerò i contenuti esposti durante la giornata per focalizzare i concetti più importanti.

 

Cos’è il BIM ? E’ la digitalizzazione del processo costruttivo, che comprende tutte le fasi dei progetti, dalla commessa iniziale alla gestione dell’opera finita. Può essere utilizzato anche per gli interventi sull’esistente, per la conservazione del patrimonio culturale, e per progettare l’intero ciclo di vita dell’edificio dalla fase di ideazione alla sua dismissione.

Perchè il BIM è così importante? Il motivo è semplice, perché che garantisce efficienza, certezza di tempi e costi, riduzione degli errori.

Come potrebbe innovare il mondo delle costruzioni? Il BIM è un metodo organizzativo prima di tutto, che dà il meglio di sè quando si basa su una piattaforma interoperabile unica che coinvolge l’intera filiera produttiva, dalla progettazione, alla fornitura di materiali, all’impiantistica, alla direzione dei lavori, alla costruzione e alla gestione. Gli effetti innovativi sul mondo delle costruzioni sono quindi molto consistenti. Prima di tutto è richiesta un’alta formazione del personale, ogni addetto dovrebbe avere una competenza specifica. In secondo luogo vi è la necessità di far comunicare imprese e professionisti tramite un unico gestore.

Come potrebbe essere impiegato il BIM nella progettazione? Un dato molto importante che pochi considerano sono i veri costi di un’opera. La società inglese “Royal Academy of Engeneering”, ha calcolato i costi medi di un edificio per uffici in 30 anni, ricavando un rapporto di 1:5:200 rispettivamente tra i costi di costruzione, costi di manutenzione e i costi di esercizio.

In uno studio più recente si è aggiunta la progettazione, entrando a far parte del rapporto con una incidenza dello 0,1. Questo significa che per un euro speso per costruire, se ne spendono in 30 anni 200 per l’esercizio, 5 per la manutenzione e 10 centesimi per la progettazione. E’ evidente che il dato macroscopico dei costi vada a impattare sull’esercizio e la manutenzione e insiste però soprattutto per responsabilità, alla progettazione e alla realizzazione.

Avere quindi una progettazione che tenga conto di tutto il ciclo di vita di un opera è di fondamentale importanza.

Quali sarebbero i vantaggi del BIM per le imprese? Per le imprese l’innovazione sarebbe quella di organizzare il processo con la possibilità di gestire il cantiere attraverso un modello virtuale. Infatti è possibile valutare in tempo reale l’impatto delle soluzioni progettuali in termini prestazionali, il contenimento dei costi, la possibilità di controllare la posa in opera degli elementi edilizi, l’archiviazione della documentazione tecnica e le certificazioni di ciascun componente per la futura manutenzione e gestione dell’edificio.

Quali sono le prospettive per il futuro? Considerando che dal 2016 il BIM sarà obbligatorio per i progetti cofinanziati UE, come da approvazione, da parte del Parlamento europeo della European Union Public Procurement Directive (Euppd), si verificherà una rivoluzione dei modelli organizzativi e di lavoro nel settore delle costruzioni.

Come ci avviciniamo al BIM?

Chiudo con l’esperienze del mio studio di progettazione, che da circa sei mesi si è approcciato all’utilizzo del BIM.

Prima di pensare alla scelta del software, quello che stiamo cercando di cambiare è pensare la progettazione in modo che possa fungere da regia per poter coordinare tutte le altre figure coinvolte (imprese, committenti, ecc.), in modo da poter considerare l’intero ciclo di vita degli edifici come obiettivo principale.

Per avvicinarci al BIM abbiamo iniziato con un piccolo progetto di ristrutturazione di un edificio residenziale e già in fase preliminare abbiamo inserito con uno strumento automatico i parametri relativi al costo, ai materiali, alle prestazioni energetiche. Questo ci permette di avere in tempo reale informazioni sui costi iniziali in base alle varianti di progetto.

I passi successivi saranno quelli di testare l’utilizzo del BIM assieme all’impresa esecutrice e ulteriormente di attivare la progettazione della manutenzione.

Questo ci permetterà di offrire la nostra consulenza a imprese che vorranno partecipare ad appalti con tempi e costi certi, oppure a studi di ingegneria e architettura che hanno bisogno di “modellare” il progetto, di analizzare e gestire tempi e costi del cantiere, di pianificare la vita e la manutenzione del manufatto.

 

Normative di riferimento:

- Direttiva 2014/24/UE

- Regolamento dei prodotti da Costruzione (UE) CPR 305/2011

- ISO 16739:2013, Industry Foundation Classes (IFC) for data sharing in the construction and facility management industries

 

Fonte foto: http://inthefold.autodesk.com/in_the_fold/2014/01/european-parliament-directive-to-spur-bim-adoption-in-28-eu-countries.html

Rifacimento in proprio del bagno: quali detrazioni e quali adempimenti?

IMG_20150216_095256 Dal punto di vista fiscale per usufruire delle agevolazioni sono sufficienti le fatture dei fornitori, mentre dal punto di vista burocratico-amministrativo sarà necessario notificare in Comune una Comunicazione di inizio lavori

Si vuole procedere al rifacimento di un bagno con demolizione e sostituzione della pavimentazione, rifacimento delle tubazioni di adduzione acqua e relativi scarichi, oltre naturalmente alla sostituzione di sanitari e rubinetteria eseguendo in proprio tutte le lavorazioni, è possibile usufruire della detrazione del 50% sui costi del materiale che devono essere acquistati?

Quali sono gli adempimenti burocratici e dichiarativi richiesti?

Così come è stato precisato dal Ministero delle Finanze - Dipartimento Entrate - Affari Giuridici - Servizio III già con la Circolare dell’11 maggio 1998 n. 121 [Articoli 1 (commi 1, 2, 3, 6 e 7) e 13 (comma 3) della legge 27 dicembre 1997, n. 449. - "Interventi di recupero del patrimonio edilizio e di ripristino delle unità immobiliari dichiarate o considerate inagibili in seguito agli eventi sismici verificatisi nelle regioni Emilia Romagna e Calabria. Ulteriori chiarimenti"] al punto 2.4, il contribuente che esegue in proprio i lavori ha comunque diritto alla detrazione del 41% (questa era la percentuale di detrazione operativa illo tempore), sia pure limitatamente alle sole spese sostenute per l’acquisto dei materiali utilizzati.

Dal punto di vista fiscale per usufruire delle agevolazioni previste dall’articolo 16-bis TUIR sono sufficienti le fatture dei fornitori e che i bonifici vengano redatti secondo le modalità previste dal decreto interministeriale n. 41 del 1998 e dal Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate del 2 novembre 2011. Dal punto di vista burocratico-amministrativo, trattandosi di un intervento di manutenzione straordinaria, sarà necessario notificare in Comune una Comunicazione di inizio lavori (CIL).

Questo post è perfetto per mia mamma che mi chiede ogni volta che la vado a trovare come deve fare per ristrutturare il bagno e che agevolazioni sono disponibili in questo periodo.

Se siete della provincia di Verona e avete la necessità di ristrutturare il bagno, per informazioni scrivetemi a:

arch.nicolapreti@gmail.com

Fonte: http://www.casaeclima.com/ar_21372_QUESITI-NORMATIVI-FISCO-E-MATTONE-agefis-comunicazione-di-inizio-attivit-bagno-ristrutturazione-Rifacimento-in-proprio-del-bagno-quali-detrazioni-e-quali-adempimenti.html?utm_source=Newsletter+casaeclima.com&utm_campaign=d5659dbe18-DAILY_nuovo_template2_5_2015&utm_medium=email&utm_term=0_0099aaf8c8-d5659dbe18-313639021&mc_cid=d5659dbe18&mc_eid=945566844f

 

#DigitalCarrerDay a Isola della Scala (Vr)

Digital Career  

Nell'attesa del #DigitalCarrerDay di sabato a Isola della Scala in provincia di Verona dove si parlerà di nuove opportunità di lavoro, condivido questo bellissimo libro "Non temete per noi, la nostra vita sarà meravigliosa" di Mario Calabresi, un ottimo strumento contro i lamentoni. http://www.librimondadori.it/libri/non-temete-per-noi-la-nostra-vita-sara-meravigliosa-mario-calabresi

#digitalcarrerday #lavoro